Problemi di comportamento a scuola Come intervenire

Problemi di comportamento a scuola Come intervenire?

Problemi di comportamento a scuola Come intervenire. Negli ultimi tempi si riscontra un’attenzione particolare verso alcune problematiche, relative al comportamento, che i bambini manifestano a scuola e la crescente difficoltà di genitori e insegnanti nella gestione delle stesse.

Contemporaneamente, è necessario sottolineare che sta aumentando la tendenza a voler necessariamente classificare i problemi relativi al comportamento infantile, inserendoli all’interno di rigide categorie diagnostiche, nel tentativo di trovare soluzioni riferibili a quella categoria di problemi. Se utilizzare categorie diagnostiche può essere utile nell’ambito della comunicazione tra professionisti del settore perché permette uno scambio di informazioni basati su un linguaggio comune, allo stesso modo la valutazione in chiave psicopatologica del bambino con problemi di comportamento a scuola, può essere rischiosa, soprattutto se le difficoltà iniziali non vengono trattate con interventi specifici per ogni tipo di bambino e di problema riscontrato, facendo passare un messaggio carico di conseguenze.

Profezia che sia autoavvera

Secondo Watzlawick:

“Si tratta qui, come è noto, del potere generatore di realtà che i timori, le aspettative, le supposizioni o le credenze esercitano nei confronti di avvenimenti futuri, i quali si verificano effettivamente solo per il fatto che il loro avverarsi è oggetto di ipotesi o di fervida aspettativa”.

Detto in altre parole, ci si trova di fronte ad una profezia che si autoavvera, ovvero in quella situazione in cui un individuo, convinto o timoroso del verificarsi di eventi futuri, altera il suo comportamento in un modo tale da finire per causare tali eventi. Partendo da queste considerazioni, ogni intervento efficace deve necessariamente definire il problema in modo accurato, individuare le caratteristiche specifiche del comportamento nella sua manifestazione, comprendendo come si è formato e come si mantiene nel tempo. Successivamente è necessario individuare le tentate soluzioni adottate dal contesto (insegnanti, genitori, operatori etc.) per cercare di risolvere il problema.

Problemi di comportamento a scuola Come intervenire Psicoterapia Breve Strategica Roma

Profezia che si autoavvera

Problemi di comportamento a scuola

Tipologie di comportamento

Le categorie di problemi di comportamento a scuola riscontrate maggiormente sono:

Ogni manifestazione problematica è differente dall’altra e ogni bambino possiede le sue specificità; nell’intervento da proporre, per garantire la stabilità degli effetti desiderati nel tempo, le soluzioni individuate devono tenere necessariamente in considerazione questi aspetti.
La ricerca-intervento del Centro di Terapia Breve Strategica ha permesso di strutturare protocolli specifici di trattamento, per il raggiungimento di obiettivi prefissati. In particolare con i bambini, soprattutto quando si tratta di agire su problematiche ancora non evidentemente strutturate, si interviene indirettamente attraverso i genitori, affinché possano acquisire in prima persona gli strumenti utili per il cambiamento.

Per approfondimenti:

  • Nardone G. e il centro di terapia strategica. Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo della vita – Ponte alle Grazie, 2012
  • Balbi E., Boggiani E., Dolci M., Rinaldi G. Adolescenti violenti. Contro gli altri e contro se stessi – Ponte alle Grazie, 2009
  • Balbi E., Artini A. Curare la scuola – Ponte alle Grazie, 2009
  • Nardone G., Giannotti E., Rocchi R. Modelli di famiglia – Ponte alle grazie, 2001
  • Fiorenza A., Nardone G. L’intervento strategico nei contesti educativi – Giuffrè editore, 1995

Bullismo

Manifestazioni del bullismo

Sindrome di Hikikomori

Tamaki Saito

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Sottoscrivi alla nostra newsletter per ricevere una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo di Psicologia Psicoterapia.

Grazie per l'iscrizione!

Pin It on Pinterest

Share This