Disturbi Sessuali

Terapia Breve Strategica

Disturbi Sessuali

Nelle varie forme di patologia sessuale si ritrova costantemente la problematicità del rapporto tra la volontà e la prestazione o tra lo sforzo di controllo mentale e l’incapacità di lasciarsi andare naturalmente alle sensazioni. Molti dei disturbi sessuali si realizzano quando si verifica lo sforzo cosciente o volontario di provocare o inibire reazioni che sono naturali.

Formazione del problema

Le modalità messe in atto dalle persone che presentano disturbi di questo tipo sono riconducibili a due categorie fondamentali:

  • ricerca deliberata di sensazioni e/o reazioni che per natura sono spontanee: l’individuo tenta di procurarsi il piacere prescindendo dalla sua componente istintiva ossia si sforza di procurarsi delle sensazioni o reazioni che per definizione non derivano dalla volontà
  • evitamento di sensazioni e/o reazioni che per natura sono spontanee: in questo caso l’esperienza del piacere può essere vissuta a livello soggettivo come perturbante, in senso negativo. L’individuo cercherà in tutti i modi di evitare l’esperienza stessa ma tutti gli sforzi che vengono fatti finiscono per produrre il risultato opposto.
Terapia Breve Strategica

Formazione del problema

Disturbi Sessuali

La ricerca-intervento presso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo e gli studi affiliati svolta negli ultimi venti anni rivela una efficacia del Modello con una percentuale di risoluzione del 91% dei casi trattati.

Disturbi sessuali più frequenti

In ambito clinico si evidenziano i principali disturbi sessuali:

  • Difficoltà o disturbo dell’erezione: ricorrente o persistente impossibilità dell’uomo nel raggiungere o mantenere l’erezione fino al completamento del rapporto sessuale, in assenza di patologia organica o di abuso di alcool;
  • Eiaculazione precoce: ricorrente o persistente verificarsi dell’eiaculazione in seguito a minimale stimolazione sessuale prima, durante o poco dopo la penetrazione, fino a che questa diviene impraticabile;
  • Dispareunia: dolore vaginale, acuto o meno, che si manifesta al momento della penetrazione, sotto forma di irritazione, bruciore o infiammazione all’entrata della vagina oppure all’altezza del collo dell’utero;
  • Vaginismo: contrazione riflessa e involontaria dei muscoli vaginali che rende di fatto impossibile la penetrazione sessuale o comunque difficile e dolorosa;
  • Disturbo del desiderio: calo del desiderio (desiderio sessuale ipoattivo) o totale assenza di desiderio (disturbo da avversione sessuale). Il primo porta all’evitamento dei rapporti sessuali, mentre il secondo a rifiutare qualsiasi contatto con un partner sessuale. Può avere come base una fobia o un trauma;
  • Disturbo dell’orgasmo maschile e femminile: ritardo o assenza dopo una fase di eccitazione normale;
  • Disturbo dell’eccitazione sessuale femminile: incapacità di raggiungere o mantenere una risposta adeguata di eccitazione fino al termine del rapporto sessuale che determina assenti o insufficienti lubrificazione e tumescenza dei genitali.

Per approfondimenti:

Follow Us

Iscriviti alla Newsletter

Facebook

Categorie

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Sottoscrivi alla nostra newsletter per ricevere una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo di Psicologia Psicoterapia.

Grazie per l'iscrizione!

Pin It on Pinterest

Share This