Vomiting

Disturbi Alimentari
Terapia Breve Strategica

Vomiting

Facendo riferimento al Manuale Diagnostico e Statistico sui disturbi mentali, il vomito è un “sintomo” riconducibile al disturbo bulimico. Dal punto di vista del modello strategico, la sindrome da vomito o Vomiting, presenta una struttura di funzionamento differente dal disordine bulimico per cui viene considerato come un problema a sé stante. Questo tipo di problema si struttura su di una base bulimica o, più frequentemente, su quella anoressica.

Rituale compulsivo basato sul piacere

Il vomito, inizialmente è una tentata soluzione per compensare la quantità di calorie introdotta con il cibo. Successivamente, come accade a tutto ciò che viene ripetuto per un certo periodo di tempo, il mangiare per vomitare diviene un vero e proprio rituale basato sul piacere. Il piacere deriva non tanto dal concedersi i cibi ritenuti proibiti, quanto dall’espellerli attraverso il vomito.
Trattandosi di una vera e propria compulsione, la persona si trova a dover fronteggiare il conflitto tra la volontà di liberarsi da tale legame e il piacere ricavato. A confermare tale legame è l’atteggiamento delle persone rispetto all’ingestione del cibo: si arriva a mangiare qualunque tipo di cibo perché l’attenzione è completamente rivolta al momento della sua espulsione in seguito alla sensazione di avere la “pancia piena”.

Terapia Breve Strategica

Rituale compulsivo basato sul piacere

Vomiting o sindrome da vomito
Terapia Breve Strategica

Manifestazioni del disturbo

Vomiting o sindrome da vomito

Manifestazioni del disturbo

Anche per questo disturbo alimentare, come per la bulimia possono essere distinte diverse tipologie, le più frequenti delle quali sono:

  • trasgressive pentite che riconoscono la piacevolezza del rito del quale desiderano liberarsi. Queste persone giungono in terapia perché il disturbo è talmente dilagante da aver annullato la maggioranza delle altre possibili sensazioni piacevoli che la persona desidera recuperare
  • trasgressive compiaciute per le quali mangiare per vomitare è talmente piacevole da non riuscire a rinunciarci. Raramente giungono in terapia autonomamente, spesso vengono indotte da un familiare, oppure dalla massiccia diminuzione di peso dovuta al fatto che vomitano ogni cibo che ingeriscono.

Per approfondimenti:

  • Nardone G., Verbitz T., Milanese R. Le prigioni del cibo. Vomiting, Anoressia, Bulimia: la terapia in tempi brevi – Ponte alle Grazie, 1999

Follow Us

Iscriviti alla Newsletter

Facebook

Categorie

Pin It on Pinterest

Share This
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Sottoscrivi alla nostra newsletter per ricevere una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo di Psicologia Psicoterapia.

Grazie per l'iscrizione!