La coesione sociale della classe contro il bullismo

La coesione sociale della classe contro il bullismo

La coesione sociale della classe contro il bullismo. Il Prof. Stefano Livi, docente di Psicologia Sociale dei gruppi presso l’Università di Roma “La Sapienza”, ha condotto uno studio per comprendere il ruolo della coesione sociale per il contrasto ai fenomeni di bullismo. L’idea della ricerca parte dall’osservazione di un particolare fenomeno che si riscontra in alcune classi nelle quali sembrano assenti fenomeni di bullismo, anche se sono presenti ragazzi potenziali vittime o autori. Lo studio si è proposto di comprendere e analizzare quali erano le differenze tra i vari gruppi classe. In alcuni casi le classi si presentavano come gruppo coeso e socialmente connesso; in altri casi gli individui manifestavano relazioni tra singoli e la classe si presentava come semplice insieme di individui.

Differenza nella classi negli episodi di vittimizzazione

Dopo aver rilevato un’omogeneità tra le diverse classi prese come campione della ricerca rispetto a fenomeni di bullismo e una contemporanea disomogeneità rispetto ai fenomeni di vittimizzazione, la ricerca ha voluto approfondire la causa della differenza tra le classi. Ovvero, perché in alcune classi le manifestazioni di bullismo sembrano non avere effetto? Dalla ricerca emerge che un possibile elemento in grado di ridurre il fenomeno della vittimizzazione, sia correlata alla coesione del gruppo. Pur rilevando la presenza di bulli in classe, laddove la coesione di classe è alta, si registrano livelli di vittimizzazione inferiore.

Classi e vittimizzazione

La coesione sociale della classe contro il bullismo

Coesione della classe come strumento di prevenzione

I risultati dello studio indicano chiaramente come il fenomeno del bullismo coinvolge tutta la classe. Laddove le classi si mostrano coese si riducono notevolmente gli episodi di vittimizzazione. La coesione sociale, quindi, si configura come una caratteristica del gruppo in grado di proteggere le vittime e isolare o arginare l’emersione di fenomeni di prevaricazione.

Coesione sociale e prevenzione

La coesione sociale della classe contro il bullismo

Questi risultati conducono ad una riflessione interessante. Sviluppare un senso di appartenenza nel gruppo, attraverso l’integrazione tra attività scolastiche ed extrascolastiche, potrebbe consentire di diminuire l’isolamento sociale e aumentare la condivisione. Quando si presentano fenomeni di bullismo, intervenire su tutta la classe può produrre l’interessante effetto di favorire una collaborazione attiva da parte del gruppo, evitando di colpevolizzare il bullo e commiserare la vittima. La ricerca mette in evidenza la classe, che diventa una risorsa importante nel fronteggiare il fenomeno insieme agli altri attori sociali, genitori e insegnanti.

Per approfondimenti

Stime Telefono Azzurro

Bullismo

Riconoscere i segnali

Problemi a scuola

Come intervenire

Tecnica del Come Se in Psicoterapia

Tecnica del Come Se in Psicoterapia

Tecnica del Come Se in Psicoterapia. La tecnica del come se è utilizzata nelle psicoterapie solution- oriented, ovvero orientate alla soluzione. Questa prescrizione terapeutica sfrutta a fini terapeutici il fenomeno noto come profezia che si autorealizza. Si tratta di una supposizione che, per il solo fatto di essere stata formulata, realizza l’evento predetto, confermandone la veridicità.
(altro…)

Bullismo

Bullismo

Bullismo

Bullismo. Per bullismo si intende un comportamento di prevaricazione reiterato nel tempo da parte di qualcuno nei confronti di un altro bambino o ragazzo ritenuto più debole. Si assiste ad una asimmetria relazionale, ovvero ad uno squilibrio di potere tra chi agisce e chi subisce. Il bullismo non è riferibile a un conflitto tra coetanei perché quest’ultimo ha un carattere episodico e implica una relazione paritaria tra i ragazzi.

(altro…)

Paura di uccidere persone care

Paura di uccidere persone care

Paura di uccidere persone care

Paura di uccidere persone care. Chi soffre della paura di uccidere persone care è vittima della paura di perdere il controllo di sé, a causa della presenza di ossessioni mentali caratterizzate da immagini e pensieri intrusivi di natura aggressiva. Questi pensieri sono incontrollabili e insinuano il dubbio di poter essere colpiti da un raptus improvviso di follia.

(altro…)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Sottoscrivi alla nostra newsletter per ricevere una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo di Psicologia Psicoterapia.

Grazie per l'iscrizione!

Pin It on Pinterest